Gli inestetismi cutanei possono essere la causa di forti insicurezze e disagi, in particolare, se piuttosto evidenti. Per questo la cosmetologia studia da tempo formule specifiche per il trucco del viso e del corpo che coprano con efficacia i difetti della pelle.

Il camouflage è una delle tecniche più indicate per nascondere imperfezioni temporanee e permanenti provocate da patologie dermatologiche o interventi estetici. Cosa contraddistingue questo tipo di make-up correttivo? Quali inestetismi maschera?

In questo articolo trovi le risposte a tutte le domande, inclusi i consigli sui prodotti da applicare e il metodo da seguire.

Cos’è il camouflage

Il make-up è un alleato insostituibile sia nel quotidiano, sia nelle occasioni speciali. La sua versatilità e l’ampia varietà di cosmetici creati consentono di ideare un’infinità di soluzioni personalizzate.

Tra le molteplici tipologie di trucco viso esistenti, oggi ci concentriamo sul camouflage, pensato per correggere le imperfezioni della pelle. Il termine è di origine francese e deriva dalla fusione del verbo camoufler, ovvero nascondere, e del sostantivo maquillage, trucco. Quindi, viene utilizzato proprio in riferimento a tecniche di make-up correttive, studiate per coprire gli inestetismi cutanei.

Per ottenere questo risultato, si applicano appositi correttori e fondotinta in modo da realizzare uno strato di colore uniforme e un effetto liscio. Le estetiste del nostro Atelier della Bellezza, a Reggio Emilia, scelgono le tonalità adatte a mascherare i difetti della pelle. La loro valutazione si basa sul cerchio cromatico di Newton e sul contrasto generato dall’unione di cromie complementari.

Siccome la maggior parte degli inestetismi comporta un’alterazione del colore della cute, occorre adottare le tecniche giuste per neutralizzarla. Bisogna, dunque, stendere sfumature opposte a quelle di partenza, che annullano la discromia e riducono la quantità di trucco per il viso necessaria nelle fasi successive.

Il verde nasconde le imperfezioni della pelle rosse; il corallo copre le discromie blu, viola e marroni; il violetto maschera il giallo e il colorito spento.

Per quali imperfezioni della pelle è adatto il camouflage

L’acne, l’iperpigmentazione, la rosacea, la vitiligine, le cicatrici e le occhiaie rappresentano alcuni degli inestetismi più comuni che è possibile mimetizzare con il make-up. Attraverso l’applicazione di cosmetici adeguati, riusciamo a renderli pressoché invisibili e a conferire alla cute un aspetto più uniforme e luminoso.

Chi soffre di acne trae innumerevoli benefici dal camouflage, che copre con efficacia il rossore, il gonfiore, i comedoni, i noduli e le cisti. La presenza di queste lesioni varia a seconda del tipo di acne e del suo grado di gravità. Le cause di questo disturbo sono differenti, ad esempio, anomalie nella formazione dello strato cutaneo, incremento della produzione di sebo e colonizzazione di determinati batteri. Altri fattori che favoriscono la comparsa dell’acne e delle imperfezioni della pelle ad esso correlate sono gli squilibri ormonali, lo stress, il fumo, l’alcol, certi farmaci, l’inquinamento ambientale, i disordini alimentari e l’utilizzo di detergenti inadatti.

Il camouflage è utile anche per mascherare le macchie scure, che possono comparire per svariati motivi, quali l’esposizione solare, l’invecchiamento cutaneo e le cicatrici da acne. Allo stesso tempo, il trucco correttivo nasconde i difetti provocati da patologie come la rosacea e la vitiligine. Le discromie vengono annullate e la pelle appare omogenea.

Le cicatrici, causate da disturbi di varia natura, interventi chirurgici, ferite o lesioni, rischiano di provocare disagio e intaccare l’autostima delle persone. Per questo le nostre estetiste esperte propongono il camouflage, che è in grado di neutralizzarle. Si tratta di una strategia valida per coprire anche le occhiaie, imperfezioni della pelle del viso legate a mancanza di sonno, stress, genetica o problemi di circolazione.

I cosmetici migliori per il camouflage

Analizzare le caratteristiche della cute è essenziale per individuare i prodotti idonei da applicare. È una regola da rispettare anche quando si selezionano quelli per il camouflage, poiché le imperfezioni della pelle da correggere sono diverse. Quindi, prima si determinano i difetti da mascherare e il tipo di pelle, poi si cercano i cosmetici ideali.

Il trucco correttivo ha due obiettivi principali: nascondere gli inestetismi e garantire una lunga durata. Di conseguenza, la texture, il grado di copertura, la resistenza e la compatibilità di ogni componente con la cute della persona devono essere ottimali.

Consigliamo prodotti per il camouflage morbidi, cremosi, facili da stendere e sfumare. È, altresì, importante evitare quelli dalla texture pesante e spessa, poiché rischiano di accentuare i pori dilatati e le rughe sottili.

Il potere coprente del make-up contro le imperfezioni della pelle deve essere elevato per mascherarle. Allo stesso tempo, occorre optare per alternative confortevoli che permettano di raggiungere il perfetto equilibrio tra estetica e praticità.

La tenuta e la resistenza all’acqua costituiscono altri elementi cruciali del camouflage, che dovrebbe rimanere tutto il giorno senza scolorirsi né sbavarsi. La sua compatibilità con la cute è un ulteriore requisito imprescindibile per ottenere risultati eccellenti. Per questa ragione il nostro team qualificato ti accompagna nella scelta dei cosmetici indicati sia che tu abbia la pelle secca, grassa, mista o sensibile.

L’esperienza e le competenze approfondite sono fondamentali per riconoscere gli inestetismi e individuare i casi in cui realizzare un trucco correttivo. Infatti, è sconsigliato su lesioni provocate da infezioni, dermatiti acute, lesioni essudative, psoriasi eritrodermica e pustolosa, ipersensibilità verso specifici ingredienti.

Gli step necessari per un camouflage perfetto

I prodotti da utilizzare per contrastare le imperfezioni della pelle devono essere ipoallergenici e testati per i metalli pesanti visto che sono formulati per la cute delicata e sensibile. Oltre a scegliere cosmetici adatti a un make-up che copra i difetti cutanei, occorre seguire determinati passaggi in ordine preciso per una soluzione raffinata.

1. Detersione della pelle

Prima di realizzare il trucco, non solo quello correttivo, si deterge sempre la pelle impiegando cosmetici non aggressivi con o senza risciacquo. È importante che non ne alterino il film idrolipidico e ne preservino la funzione di barriera.

2. Idratazione della pelle

Il camouflage necessita che la cute venga nutrita in profondità attraverso prodotti in emulsione ad alta tollerabilità e dalla texture leggera. In alternativa, puoi optare per un fluido concentrato, indicato nei casi di elevata secchezza.

3. Annullamento della discromia

Utilizziamo appositi correttori che neutralizzino l’alterazione del colore della pelle, elemento tipico di quasi tutti gli inestetismi cutanei. La tonalità viene scelta in base a quella di partenza vertendo su cromie complementari.

4. Applicazione del fondotinta

La selezione del cosmetico ideale per il camouflage si fonda, perlopiù, su due criteri: la nuance e la texture. La sua tonalità deve essere simile alla tua carnagione e la sua consistenza deve essere adatta alle particolari imperfezioni della pelle.

5. Fissaggio del make-up

Dopo aver applicato i vari componenti del trucco correttivo, si stende una cipria dalla texture impalpabile. Poi, si vaporizza una soluzione spray che conferisce un effetto naturale e omogeneo. Infine, si rimuove l’eccesso con una velina.

Prenota una consulenza nel nostro Atelier della Bellezza a Reggio Emilia. Ti illustreremo i cosmetici adatti al camouflage!